Lightbox + cabina. Doppia transpersonale di Jacopo Natoli. A cura di Arianna Desideri

Appartamento privato di via La Spezia 28, 00182, Roma
Cabina telefonica di via Orvieto 4, 00182, Roma

Apertura h24, dal 6 al 12 luglio 2020
Tour guidati su prenotazione ogni giorno alle 18:30

Lightbox + cabina. Doppia transpersonale di Jacopo Natoli, a cura di Arianna Desideri, è una mostra di opere di Jacopo Natoli (Roma, 1985) realizzate per l’occasione, ma che condensano il lavoro sperimentale, laboratoriale e relazionale che l’artista conduce dal 2016. L’esposizione è doppia poiché dislocata in due luoghi: l’appartamento-studio di via La Spezia (Roma) e una cabina telefonica nei pressi dell’abitazione.     

Nello studio sono allestiti 7 lightbox. Su di essi, Jacopo Natoli ha riprodotto disegni di numerose-i autrici-autori che sono stati elaborati attraverso test, progetti, dispositivi e laboratori da lui innescati. La componente relazionale e simpoietica è centrale nella pratica dell’artista, che si propone come attivatore di processi collettivi. Il concetto di “transautorialità” e il medium del disegno sono qui le coordinate entro cui si esprimono e sintetizzano tali interazioni.    
In mostra, attraverso la trasposizione su lightbox, sono presentati risultati di test ed esperimenti (Autoritratto, Fosfeni), progetti di disegno collettivo (Disegnatori a tempo perso, Chiarovedere), dispositivi (Dadisegna), attività nell’ambito della didattica (Disegna un gesto che non si fa), dei laboratori e dell’arteterapia (Mutazione).

Nella cabina telefonica sono invece esposte esclusivamente opere originali. L’allestimento in progress (aggiornato e visibile durante la mostra anche su questa pagina) prevede una selezione iniziale di disegni provenienti dalle esperienze citate e da numerose altre iniziative avviate da Jacopo Natoli. A questa prima antologia si uniranno nuovi brani: ogni giorno, per l’intera durata della mostra, verranno collocati in cabina i disegni prodotti in studio attraverso l’interazione e il gioco con le visitatrici e con i visitatori. Nello specifico, saranno utilizzati due dispositivi ideati da SgorbioLaboratorio atecnico per l’immagine nuova (Danilo Innocenti, Jacopo Natoli), ovvero Altrorilevo e Dadisegna. Inoltre, le superfici del box accoglieranno gli elaborati svolti durante Condominio. Laboratori in cortile, che si terranno ogni mattina nel giardino di via La Spezia 28.

Nell’ambito di Lightbox + cabina sono stati predisposti turni di visita e tour guidati su prenotazione. Per recapitare inviti mirati, è stato inoltre realizzato un intervento postale su cartolina. In mostra è stato possibile visionare e collezionare l’ampia gamma di fanzine, volumi ed edizioni autoprodotti dall’artista, nonché il catalogo dell’esposizione.

Sabato 11 luglio, lo studio di via La Spezia 28 ha accolto la sperimentazione Bianco Solido di Danilo Innocenti, un ambiente sonoro in cui 13 autori-autrici hanno depositato collettivamente, in deprivazione visiva, i loro segni su carta carbone utilizzando bacchette e traducendo il suono in disegno.

La mostra è stata segnalata su:
artribune 1artribune 2barbara picci blogexibartfacebook roma art guidesegnonline

Ne hanno scritto:
Erika Cammerata, Jacopo Natoli: attraversamenti immaginativi nel regno di Marzapane, su «formeuniche.org», 9 settembre 2020.

IN STUDIO

1. LIGHTBOX

Installazione di 7 lightbox a diverse intensità e gradazioni di luce.


2. LABORATORI IN TEMPO REALE

Utilizzo del dispositivo Dadisegna di SGORBIO + laboratori di arteterapia con metodo LACERVA con le/i visitatrici/visitatori = realizzazione di originali da allestire all’interno della cabina telefonica.

3. BIANCO SOLIDO

Sperimentazione di disegno collettivo su carta carbone in deprivazione visiva, a cura di Jacopo Natoli + ambiente sonoro di Danilo Innocenti.
11 luglio 2020

Fotografie di Andreea Nedelcu


CABINA TELEFONICA

Allestimento in progress della cabina telefonica di via Orvieto 4 con le opere realizzate dalle/dai visitatrici/visitatori.


IL CATALOGO

Se la mostra è “doppia”, il volume è bifronte: ha due copertine (lightbox; cabina) e due versi di lettura capovolti, che si incrociano al centro in un poster staccabile e performativo, dove vi è l’impronta dell’artista su foglia d’oro e dove ognuno può disegnare e dare immagine alla “fine”. Inoltre, l’acquirente potrà aggiungere, su entrambi i lati, il proprio segno scrivendo due +.

Il catalogo è autoprodotto in tiratura limitata (111 copie), rilegato a punto metallico e disponibile in 7 colori (giallo, arancione, fucsia, azzurro, verde acido, verde scuro, rosso) con combinazione del poster centrale in 5 tinte pastello (verde, azzurro, giallo, rosa, lilla).

Con contributi di: John Cascone, Arianna Desideri, Emanuela Guidi, Danilo Innocenti, Jacopo Natoli, Federica Penza, Aleksandra Sindeeva.

VUOI ACQUISTARE IL CATALOGO?
10 euro, consegna a mano su Roma + spedizioni in tutta Italia.
Contattaci al numero 3337926015 o su info@dapa.biz.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *